fbpx
  • Il podestà forestiero – La scelta sovranista

    • 0 Review(s)
    • In stock

    Di Gianfranco Peroncini

    35,00
  • Alternativa per la Germania

    • 0 Review(s)
    • In stock

    Di Clemente Ultimo

    15,00 12,75
  • Bella e perduta

    • 0 Review(s)
    • In stock

    AA. VV.

    22,00 18,70
  • I Coloni dell’Austerity

    • 0 Review(s)
    • In stock

    Di Ilaria Bifarini Ilaria Bifarini (1980), laureata in Economia della Pubblica Amministrazione e delle Istituzioni Internazionali all'Università "Luigi Bocconi" di Milano, ha frequentato la Scuola Italiana per le Organizzazioni Internazionali e l'Istituto "Luigi Einaudi" di Roma. Collabora con numerose testate e cura il suo blog personale, www.ilariabifarini.com, dedicato a tematiche economiche e politiche. Già autrice di Neoliberismo e Manipolazione di massa. Storia di una bocconiana redenta (2017).

    18,00
  • Archeofuturismo

    • 0 Review(s)
    • In stock

    di Guillaume Faye

    22,00
  • IL SISTEMA PER UCCIDERE I POPOLI

    • 0 Review(s)
    • In stock

    di Guillaume Faye

    20,00
  • AMERICA PROFONDA

    • 0 Review(s)
    • In stock

    Di Edoardo Cigolini

    13,00 11,05
  • Ho vissuto la resistenza palestinese

    • 0 Review(s)
    • In stock

    Autore: Roger Coudroy Collana: Focolai Pagine: 158 pagine Anno: 2017

    13,00 11,05
  • Il mare d’Italia

    • 0 Review(s)
    • In stock

    Autore: Guido Santulli Collana: Piccolo elogio identitario Pagine: 92 Anno: 2018

    10,00 8,50
  • Donbass

    • 0 Review(s)
    • In stock

    Autore: AA.VV. Collana: Focolai Pagine: 130 pagine Anno: 2017

    15,00 12,75
  • TERRA SACRA E GUERRIGLIA

    • 0 Review(s)
    • In stock

    di Fabio Polese

    7,00 5,95
  • Corea del Nord

    • 0 Review(s)
    • In stock

    Autore: Clemente Ultimo Collana: Focolai Pagine: 228 Anno: 2018

    14,00 11,90
  • Putin Contro Putin

    • 0 Review(s)
    • In stock

    Aleksandr Dugin è nato a Mosca il 7 gennaio 1962 da famiglia di tradizioni militari: il padre era un ufficiale dei servizi segreti sovietici e la madre una dottoressa. Nel 1979 si iscrive all'Istituto Aeronautico di Mosca, che presto abbandona per conseguire la laurea in filosofia. Lavora come giornalista dai primi anni Ottanta, diffondendo i suoi articoli clandestinamente. Negli anni della dissoluzione dell'Unione Sovietica si oppone prima a Michail Gorbačëv e poi a Boris El'cin, prendendo parte al "Fronte di Salvezza Nazionale". Dopo la caduta dell'URSS collabora con Gennadij Zjuganov alla scrittura del programma politico del nuovo Partito Comunista della Federazione Russa. Aleksandr Gel'evič Dugin è un politologo e filosofo russo. Ha svolto un ruolo essenziale nella filosofia della Russia dopo la caduta del Muro di Berlino, traducendo e contestualizzando i succitati autori.

    22,00
  • L’ultima guerra dell’isola – mondo

    • 0 Review(s)
    • In stock

    Aleksandr Dugin ripercorre l’evoluzione geopolitica della Russia dalle sue origini con la Rus’ di Kiev e l’Impero russo, attraversando il culmine della sua influenza globale durante l’era sovietica, fino all’attuale presidenza di Vladimir Putin. Dugin vede la Russia come il principale polo geopolitico delle civiltà di Terra del mondo, destinato ad essere perennemente in conflitto con le civiltà di Mare. Un tempo il polo delle civiltà marittime era l’Impero britannico; oggi è rappresentato dagli Stati Uniti e dai suoi alleati della NATO. La Russia può adempiere alla sua missione geopolitica solo restando in opposizione alle potenze marittime. Oggi, secondo Dugin, questo conflitto non è solo di natura geopolitica, ma anche ideologica: la Russia è il principale rappresentante e difensore dei valori tradizionali e dell’idealismo, mentre l’Occidente rappresenta i valori del liberalismo e della società di mercato. Sebbene la Russia abbia cominciato a perdere di vista la sua missione durante gli anni ’90 e abbia rischiato di soccombere al dominio delle potenze occidentali, Dugin ritiene che Putin abbia iniziato a correggerne il corso politico e a riportare la Russia al posto che le spetta.

    20,00
  • Il Primato Nazionale #15

    • 0 Review(s)
    • In stock

    Il tema scelto per la copertina è il sovranismo: tutti ne parlano, ma troppo spesso a sproposito. Era dunque giunto il momento di mettere qualche punto fermo e di definire meglio l'argomento. Un tema di cui il Primato ha parlato insieme con Lorenzo Fontana, intervistato in esclusiva dal mensile. Il ministro della Famiglia, infatti, si è soffermato a lungo sull'operato del governo e sugli obiettivi del suo dicastero. E non ha mancato, inoltre, di far luce sulla sua passione di ultrà del Verona. Tra le molte soprese del nuovo numero c’è anche il debutto di Ferrogallico sulle colonne del mensile. Ferrogallico editrice, com'è noto, si dedica alla realizzazione di fumetti su soggetti identitari che vanno dai fratelli Mattei, Norma Cossetto e Sergio Ramelli fino a Nietzsche, Céline e Ungern Khan.

Iscriviti alla NewsLetter

Per essere sempre aggiornato sulle novità, ma non solo…

Per tutti gli iscritti, 10% di sconto su almeno 30 € di ordine online.