Informazione.it – “Il mio libro la risposta a chi dice che gli Italiani non esistono più” 29 settembre 2018 – Posted in: Ufficio Stampa

“Il Corriere della Sera titolava qualche giorno fa “Gli Italiani non esistono”; ecco, il mio libro è la risposta a questa affermazione perché dimostra, documenti alla mano, che non solo gli italiani esistono ma che hanno una storia di 2500 anni; questa storia va ribadita proprio ora che l’élite cosmopolita tende sempre con maggior forza a negare il valore dei popoli, a partire dal nostro.”
Milano, “Il Corriere della Sera titolava qualche giorno fa “Gli Italiani non esistono”; ecco, il mio libro è la risposta a questa affermazione perché dimostra, documenti alla mano, che non solo gli italiani esistono ma che hanno una storia di 2500 anni; questa storia va ribadita proprio ora che l’élite cosmopolita tende sempre con maggior forza a negare il valore dei popoli, a partire dal nostro.” così Adriano Scianca, direttore del quotidiano on line e mensile “Il Primato Nazionale” e redattore del quotidiano La Verità, autore de “La Nazione fatidica – Elogio politico e metafisico dell’Italia” ospite nel tardo pomeriggio di ieri del programma di approfondimento di RadioLombardia “Pane al Pane”.
“Anche il cosiddetto populismo, di cui tanto si parla oggigiorno, meriterebbe un approfondimento culturale perché non venga relegato a mera espressione del malessere e delle rivendicazioni di un popolo” prosegue l’autore del saggio che esamina la storia del concetto di Italia seguendo il filo rosso del «primato nazionale» di tipo culturale, politico e sacrale “l’identità resta ma va attivata – conclude Scianca – con adeguati gesti simbolici anche da parte delle istituzioni e con una rinnovata consapevolezza politica”.

Altaforte edizioni, marchio editoriale che si definisce sovranista, sarà tra pochi giorni sugli scaffali delle librerie con un nuovo saggio “Ho difeso Licio Gelli – storia di un avvocato alla sbarra” a firma dell’Avv. Augusto Sinagra

Articolo originale qui

« Noreporter – Un patriottismo verticale
RadioLombardia: intervista ad Adriano Scianca »