fbpx

Cartàstraccia – Ennio Morricone

CARTASTRACCIA

Il libraio di Altaforte racconta..

Capitolo 24 – Ennio Morricone

Un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigratori.

Questa l’Italia che amava Ennio Morricone e che ha voluto incarnare con le note delle sue colonne sonore, pura poesia, tutta italiana, che da sempre apre e anima i cuori.
Lo amava, questo paese troppo spesso dimentico di se stesso, lo amava incondizionatamente per la storia del nostro Risorgimento, per la sua eredità nazionale, per il suo valore eroico e simbolico.
Il suo sogno, scriveva, era reinterpretare l’Inno di Mameli che, se forse musicalmente meno potente di quello tedesco, francese o russo, racchiudeva nelle parole, nella storia, nelle immagini che evocava tutta la potenza, vera, reale, concreta, di un popolo che ha sempre saputo orientare e dominare i destini del mondo. Che ha sempre saputo, anche nei momenti più bui, ri-sorgere più forte a nuova vita.

ennio morricone - altaforte edizioni

Immaginatevelo Morricone, mentre dal contralto dirige ottoni, violini, fiati, contrabbassi e le voci limpide, chiare e forti del coro.

Immaginatevelo al centro dell’orchestra, anzi, immaginatevelo come centro stesso dell’orchestra che al movimento della bacchetta si dispone, si ordina e crea con le note delle sue musiche suggestioni ed emozioni nella mente di chi ascolta rapito.


Perché il Genio italiano è questo: creare, plasmare, ordinare una melodia attraverso cui infondere un’immagine, un sentire ed Ennio Morricone in questo era maestro: mai scontato, mai banale. Esempio principe di quel popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigratori che ha stupito e continua a stupire il mondo con la sua forza e la sua bellezza.


Non è un caso che il suo sogno più grande fosse reinterpretare musicalmente l’Inno di Mameli. Lo ammise, con commozione, in un’intervista al Corriere, conscio di ciò che parole apparentemente semplici rappresentavano: la storia del nostro Risorgimento, la sua eredità nazionale con quel mondo di eroici simboli che si ricollegavano a ben più antica tradizione. 

E lui, italiano mai dimentico di se stesso, che non ferma le lacrime di fronte alle immagini abiette di piazzale Loreto, simbolo di un paese tradito, quella storia non la vuole dimenticare e ci ricorda, con i movimenti delicati della bacchetta, che questo nostro popolo può ancora ergersi in piedi e mostrare al mondo il suo genio e il suo spirito che, anche nelle notti più buie, ha sempre saputo ri-sorgere ed ergersi, una volta di più, in piedi sulle macerie lasciate da chi ha provato a distruggerne l’identità.

Ora spegnete tutto tranne la colonna sonora di Once Upon a Time… The Revolution e fatevi accompagnare dalla voce eterea di Edda in un mondo creato da chi ha saputo incarnare il Genio.

Lorenzo Cafarchio

Iscriviti alla NewsLetter

Per essere sempre aggiornato sulle novità, ma non solo…

Per tutti gli iscritti, 10% di sconto su almeno 30 € di ordine online.