fbpx

Cartastràccia – Antoine de Saint-Exupéry

CARTASTRACCIA

Il libraio di Altaforte racconta..

Capitolo 45 – Antoine de Saint-Exupéry

La notizia è come uno schiaffo che getta nello sconforto anche il pilota tedesco.«Quando ho saputo di chi si trattava — dirà — ho a lungo sperato che non si trattasse di lui».
Non si sa se l’aero abbattuto da Horst Rippert fosse realmente quello di Antoine de Saint-Exupéry. Qualcuno avanza dubbi, qualcun altro ipotesi.
Fatto sta che lo scrittore scompare nel cielo notturno del 31 luglio 1944 in un mare di onde e di stelle e, in fondo, per quell’uomo figlio di tutti e di nessuno, che passeggiava tra le dune del deserto con Nietzsche sottobraccio, è stato giusto così: una fine romantica, misteriosa. Dolce e dura insieme, come una rosa con le sue spine.

E s’immerse in quella profonda meditazione del volo, nella quale si assapora una inesplicabile speranza.Antoine saint exupery - Altaforte Edizioni

Seduto su una duna Antoine de Saint-Exupéry riflette sulla lettura appena conclusa. Nietzsche lo ha sempre affascinato e lo accompagna anche lì, in quell’angolo di mondo tra oceano e deserto dove, finalmente, può essere se stesso.
In fondo le città non lo hanno mai entusiasmato, quelle moderne, quanto meno. Il deserto è diverso, qui la solitudine è totale e, al di là di qualche sparuto incontro con i nomadi berberi, l’unica compagnia è quella di se stessi. La riflessione è d’obbligo, il farsi da specchio da soli anche.

Nelle città si dimentica che cosa sia un uomo. È ridotto alla sua funzione: postino, venditore, vicino che vi disturba. È in fondo al deserto che si scopre al meglio ciò che è un uomo.

Il deserto diventa rifugio. Rifugio dalle polemiche per il suo rapporto con La Rochelle e dall’astio di De Gaulle che ne proibisce i libri in territorio francese, rifugio dal vociare isterico di una Francia troppo presa ad accusare, giudicare, sentenziare.

Antoine de Saint-Exupéry non ha voglia di star dietro a tutto questo rumore, preferisce il silenzio e le lezioni di arabo di un marabutto. E scrive. Scrive le pagine più importanti della sua opera dando forma a quello Zarathustra del deserto che diventa centro e cardine della Cittadella.
Aviatore nel mondo concreto e trasvolatore dell’anima in quello sensibile, pensa un mondo moderno diverso e lo crea nella solitudine del deserto, proponendo un modello di uomo e un’idea di Stato differenti.
Diventa, tra una duna e un libro di Nietzsche, un poeta-filosofo e, al lettore che scorre le righe del libro, chiede:

«Se non c’è nulla al di sopra di te non puoi ricevere nulla se non da te stesso. Ma che cosa puoi ricevere da uno specchio vuoto?».

Di Lorenzo Cafarchio

Per essere sempre aggiornato sulle novità, ma non solo…

Per tutti gli iscritti, 10% di sconto su almeno 30 € di ordine online.

Iscriviti