fbpx

CON D’ANNUNZIO A FIUME

  • 0 Review(s)
  • In stock

di Mario Carli

15,00

Descrizione

È la vigilia del “Natale di Sangue”: le navi del Regio Esercito Italiano stanno per aprire il fuoco su Fiume, che d’Annunzio e i suoi legionari tengono da 16 mesi. Nello stesso momento, a Milano viene arrestato il capitano degli Arditi Mario Carli (San Severo, 30 dicembre 1889 – Roma, 9 settembre 1935), uomo di fiducia del Vate: il Comando della Reggenza del Carnaro l’ha inviato a Milano per impiantarvi la redazione de “La Testa di Ferro”, il giornale della causa fiumana che dà voce all’arditismo. Non è da escludere che il trasferimento a Milano di Carli abbia come obiettivo primario l’esportazione della rivoluzione in atto a Fiume oltre i confini della città dalmata. Ma in quel dicembre del 1920 tutto precipita. Mario Carli, insieme a Cesare Cerati e ad alcuni anarchici, progetta di far saltare la centrale elettrica di Milano: in contemporanea, dalle colonne de “La Testa di Ferro” si esorterebbero i cittadini all’insurrezione armata. Scoperto, Carli viene arrestato mentre a Fiume rombano i cannoni delle corazzate che vomitano fuoco sulla «città olocausta». A cavallo fra il dicembre 1920 e il gennaio 1921 si chiude una parentesi e se ne apre un’altra, capitale nella storia d’Italia e nella Storia.

Per essere sempre aggiornato sulle novità, ma non solo…

Per tutti gli iscritti, 10% di sconto su almeno 30 € di ordine online.

Iscriviti