La tirannia nascosta tra i nostri soldi

  • 0 Review(s)
  • In stock

Victor Gomez-Enriquez

16,00 15,20

Descrizione

Numero di pagine: 178.

Il debito nazionale non può avere un tetto massimo. Imporre un tetto al debito è un’assurdità, perché provocherà deflazione e alla fine non vi sarebbero più soldi in giro. Per questo motivo, il Governo non può agire come una famiglia responsabile, non può equilibrare le spese e le entrate. L’intera procedura di creazione di denaro è una truffa progettata per derubare il popolo.

Da qui il mantra persistente secondo cui la crescita deve essere mantenuta a tutti i costi. Perché se tutti i prestiti fossero rimborsati, la massa monetaria svanirebbe. Una manifestazione di questo fenomeno è l’obsolescenza programmata, una strategia aziendale in cui l’obsolescenza di un prodotto viene progettata e costruita in esso fin dalla sua concezione. Lo scopo di questo è che in futuro il consumatore sentirà il bisogno di acquistare nuovi prodotti e servizi che il produttore farà emergere in sostituzione di quelli vecchi.

Un’altra conseguenza della sindrome della crescita è la parziale de-industrializzazione del mondo sviluppato, per cui i beni inferiori devono essere prodotti dai paesi del Terzo Mondo, per alimentare questa sindrome della crescita. Un altro meccanismo di furto istituzionalizzato è quello dell’inflazione. L’inflazione agisce come una tassa nascosta sulla gente comune. In un contesto di bassi tassi d’interesse, i Governi e le banche introducono il denaro in eccesso nelle economie, ma chi sta in alto riesce ad avere accesso a questo denaro per primo, ma dopo un certo tempo, perché più denaro va a caccia di beni e servizi, i prezzi salgono e quando il popolo spende, il loro denaro non ha più lo stesso potere d’acquisto.

Per essere sempre aggiornato sulle novità, ma non solo…

Per tutti gli iscritti, 10% di sconto su almeno 30 € di ordine online.

Iscriviti