fbpx

Cartastràccia – Il Perseo di Cellini

CARTASTRACCIA

Il libraio di Altaforte racconta..

Capitolo 36 – Il mito di Perseo

È bello il Perseo di Benvenuto Cellini ed è perfetto nell’armonia del corpo bronzeo che, nudo, regge la testa della Medusa.
Per raggiungere tanta perfezione, tanta leggerezza Cellini dovette faticare parecchio. Si dice che, in preda alle febbri e col fuoco della fornace basso a causa di un temporale, lo scultore quasi incendiò la bottega, gettando tra le fiamme sedie, stoviglie e suppellettili pur di portare a termine l’opera.
Dalla pesantezza delle febbri nasce infine la bellezza, proprio come dal sangue di Medusa il Pegaso alato e i coralli con cui si adornano le ninfe.
E alla fine eccolo lì, il Perseo, simbolo di leggerezza che sembra quasi sul punto di lasciare il suo piedistallo in Piazza della Signoria per spiccare il volo e affidarsi a nuvole e venti.

benvenuto cellini - altaforte edizioni

Il mito non è un abbellimento, scrive Spengler, è generatore di storia.
È vivo, il mito, e rappresenta quanto c’è di più intimo, ancestrale e fecondo in una comunità.
È uno scrigno di sogno e valori che si fanno destino e realtà concreta.
Insegna, ricorda, trasmuta.
Lo sappiamo noi e lo sa anche chi, da sempre, cerca di distruggere le fondamenta dei popoli, il loro senso del sacro, la loro appartenenza a un binomio indissolubile fatto di sangue e terra.

Succede allora che in una piazza a New York compaia una statua di Medusa con in mano la testa decapitata di Perseo.
Si ribalta il mito e con esso i valori che rappresenta: l’eroe diventa mostro e il mostro, eroe.
Invece della leggerezza e della bellezza, si esaltano pesantezza e bruttezza.
Perché tutto ruota intorno a questi due concetti: quello dell’eroe che è leggero e, non per caso, sempre nudo perché altro non ha bisogno se non della spada e dello scudo, e quello del mostro che è pesante e orribile a vedersi.
Si trascina Medusa, mentre Perseo vola e si affida a nuvole e venti.
È pesante, come questa società che abbruttisce e prova a spezzare ogni legame con il divino, e pietrifica con lo sguardo anche da morta, tanto è carica di odio e rancore.

Una dicotomia che non cade neanche quando l’eroe ne recide la testa: Perseo continua ad essere leggero, καλός κἀγαθός, come cantano i greci, ed è bellissima l’immagine delle Metamorfosi di Ovidio in cui, prima di riporre a testa la testa mozzata della gorgone, prepara la terra, usando uno strato di foglie e rami marini per rendere il terreno su cui adagiarla più soffice e morbido. Un atto di gentilezza nei confronti del mostro, un gesto, ancora, di leggerezza.

Questo ci insegna il mito. Ad essere eroici e per questo belli e leggeri.
A non farci trascinare giù da chi trova i suoi dis-valori in un mostro carico di ruggine e livore.

Noi, al contrario del nemico, dobbiamo sempre avere la natura come solco, l’eccellenza come fine, la bellezza come orizzonte.
Non facciamoci appesantire.

Lorenzo Cafarchio

Per essere sempre aggiornato sulle novità, ma non solo…

Per tutti gli iscritti, 10% di sconto su almeno 30 € di ordine online.

Iscriviti