fbpx

“Ezra fa surf” di Adriano Scianca – Leggi l’articolo!

In arrivo un’altra novità in casa Altaforte,
Il #librodinovembre sarà:

Ezra fa surf

Come e perché il pensiero di Pound salverà il mondo

di Adriano Scianca 

 

Chi era davvero Ezra Pound? Cosa ha da dirci il suo pensiero sulla crisi economica, sul precariato, sull’Ue, sul sovranismo? Quali insegnamenti della poetica poundiana sono ancora utili nell’oggi? 

Ezra fa surf intende rispondere a queste domande, proponendo una lettura originale del pensiero poundiano, fuori dalle secche dell’accademismo sterile, ma anche del nostalgismo fine a sè stesso. Non un Pound “santino”, quindi, non un’immaginetta imbalsamata, ma un pensatore vivo, vitale, attuale. Un poeta che “fa surf”, cioè cavalca la contemporaneità e riesce a essere ancora oggi in anticipo sui tempi.

Dopo sei anni dalla prima edizione del libro, Ezra fa ancora surf? E perché no?

Adriano Scianca ci propone una riedizione del suo libro sul pensiero di Pound che, afferma l’autore, salverà il mondo.

Ma cosa ne penserebbe “zio Ez”?

In un immaginario e titanico confronto con il poeta, vi accompagneremo alla scoperta di un’opera e di una mente che qualcuno vorrebbe ancora ingabbiata, proprio come fecero gli americani a guerra conclusa.

Buona lettura!

ezra fa surf

Ezra fa ancora surf?

Dopo sei anni, Ezra fa ancora surf? E perché no?

Adriano Scianca ci propone una riedizione del suo libro sul pensiero di Pound che, afferma l’autore, salverà il mondo.

Ma cosa ne penserebbe “zio Ez”?

In un immaginario e titanico confronto con il poeta, vi accompagneremo alla scoperta di un’opera e di una mente che qualcuno vorrebbe ancora ingabbiata, proprio come fecero gli americani a guerra conclusa.

Altaforte presenta il #librodinovembre:
“Ezra fa surf. Come e perché il pensiero di Pound salverà il mondo” di Adriano Scianca 📖

Seguiteci per saperne di più!

ezra fa surf

Perché a distanza di 6 anni dalla prima edizione hai deciso di fare una riedizione?

Pensi che nel 2019 sia ancora così importante ciò che pensavo io?

“«Come e perché il pensiero di Pound salverà il mondo», il sottotitolo era questo e io così ho sempre visto il suo pensiero: uno strumento per salvare il mondo.
Il problema è che dopo sei anni il mondo ancora non è stato salvato, anche se l’insofferenza verso la morsa dell’usura cresce.
Oggi questa insofferenza, questa ribellione dei popoli agli strozzini viene chiamata “populismo”: non foste proprio voi americani a inventarlo il populismo, con il People’s Party? Come vede, tutto torna.”

Perché faccio surf?

E perché no?
Nel mio libro la si vede ballare, mangiare un fiore, giocare a tennis, praticare pugilato… Perché non fare surf?
Attorno a lei hanno costruito una nuova gabbia, stavolta immateriale, fatta di seriosità. In questo modo, fingendo di elevarla hanno neutralizzato il suo pensiero. Il Pound che “fa surf” è un Pound vitale, rinnovato. E anche un Pound simpatico e, alla fin fine, lei è proprio questo, non trova?

Il dialogo immaginario tra l’autore Adriano Scianca e Ezra Pound continua.

Perché lei, da americano, ha scelto l’Italia? E perché, da americano, si è fatto carico delle battaglie del suo Paese di adozione?

Perché ero stufo dell’insopportabile spirito puritano.
Avevo bisogno della salute mediterranea. Il protestantesimo ha perso quasi tutto il sacro, cioè tutto quello che sorge dalla riverenza per il divino, inerente al grano. Ha smesso, insomma, di essere europeo. L’Italia non è un manicomio, come l’America, che ha smarrito la via tracciata da Jefferson e Adams.

Come pensa si possa affrontare la decadenza del mondo contemporaneo?

La decadenza sorge perché qualcuno ha interesse a ostruire i canali della comunicazione fra i popoli, i governanti e gli scrittori. Cosa fare oggi? Darsi da fare, cercare di essere utili. Mettersi a disposizione della propria patria. Riscoprire il tesoro culturale della propria nazione e metterlo a disposizione degli uomini di buona volontà. Ecco cosa bisogna fare, ecco come evitare che questo nostro mondo perda coraggio.

Ed ecco come salvarlo.

Oggi esiste una nuova forma di blasfemia politica. Lo chiamano “populismo” e dicono sia una nuova forma di fascismo… Cosa ne pensa?

Sciocchezze. I populisti li abbiamo inventati noi americani. Henry e Brook Adams, li cito spesso anche nei miei Cantos, aderirono al People’s Party di William Jennings Bryan che verso la fine dell’Ottocento sfidò il potere delle banche e dei trust in America. Ponevano la questione della moneta, i populisti, e denunciavano il tradimento della Costituzione.

Ma poi, che democrazia sarebbe mai quella che ha paura del suo stesso popolo?

ezra fa surf

Rendi forti i vecchi sogni.
Perché questo nostro mondo non perda coraggio.
A lume spento.

Perché studiare e leggere Pound nel 2019? Perché farlo in un mondo che sembra totalmente diverso e distante da quello in cui il Poeta scriveva e agiva?

Esiste, in questo mondo di rovine, un fuoco sacro che non si è mai spento e una tradizione viva da raccogliere per poter rimanere in piedi e costruire.
La poetica poundiana in questo senso è un mezzo, uno strumento per poter reagire alla decadenza sociale e spirituale di una società sempre più proiettata verso l’individualismo sfrenato.
E Adriano Scianca, in “Ezra fa surf”, spiega bene come rendere forti i vecchi sogni seguendo i passi di chi non fu solo un poeta ma un sacerdote, se vogliamo, di un tempio che ancora oggi non è in vendita.

In questi anni si è parlato molto di Europa. A Bruxelles ha pure sede un’istituzione chiamata “Unione europea”.
Anche una volta, ai suoi tempi, si parlava di Europa ma si sarebbe mai aspettato questa Europa?

No, e sa cosa mi sembra? Un organismo ancora figlio dell’usura con una moneta che è, di nuovo, un gioco di prestigio di banchieri. Eppure… eppure io scrivo per resistere all’idea che l’Europa e la civiltà stiano andando a scatafascio. Se mi stanno “crocifiggendo per un’idea”, probabilmente è per l’idea che la cultura europea dovrebbe sopravvivere insieme a qualunque altra cultura, in qualsiasi universalità.

Il #librodelmese è arrivato! 

“Ezra fa surf. Come e perché il pensiero di Pound salverà il mondo.”

Chi era davvero Ezra Pound?
Cosa ha da dirci il suo pensiero sulla crisi economica, sul precariato, sull’Ue, sul sovranismo?
Quali insegnamenti della poetica poundiana sono ancora utili nell’oggi?

La nuovissima versione del saggio di Adriano Scianca è ora disponibile! 

Scopri di più nell’articolo de Il Primato Nazionale!

Adriano Scianca torna in libreria con “Ezra fa surf”, il saggio su Pound ampliato e rinnovato

Iscriviti alla NewsLetter

Per essere sempre aggiornato sulle novità, ma non solo…

Per tutti gli iscritti, 10% di sconto su almeno 30 € di ordine online.